Soprannomi

I soprannomi di origine più recente risentono vivamente dell’influsso che la lingua italiana ha esercitato sulle popolazioni albanesi, cosa che invece non si riscontra nei soprannomi più antichi forgiati in puro albanese.

Vari

Rredhikopa (Re di coppa) – Nuketa – Noculli (Nocciolo) – Cikllirini – Picikirri (Il bagnato) – Ciduku – Ndrelleshi (Andrea Alessio) – PaçiçiÇiketiliÇiminelaMiringrishi (Mi rincresce) – Çuçupela (italiano: asino; albanese: giumenta) – MamoçiTiricùmbulliShepina (Giuseppina) – LliqiuVaraniPjanFlutaShargalleaPikmariniCumon’ku (Lo (zio) monaco) – DrashuniMinxhutiBaxhani (Il bravaccio) – Pallaku (Il polacco) – LlifelliStiqiBarbanea (Il barbanera) – Buzlishoni (Lo slabbrato) – QikriqiPimboshiKimbilliCikipuku (personaggio di una canzone degli anni trenta: Zichipak e Zichipù era nato fra gli indù…) – Trebastuni (Tre di bastoni) – ShamniLapshi (Cresta di gallo) – ÇirinelaSharpkukuKollometaFashisti (Il fascista – di origine ideologica) – PaçdiçiDubixiKanuni (Il cannone (?)) – BallaratiDi-mi-e-di-maçe (Due topi e due gatti) – XhavhauPesnxhukuRruvjeci (Piccolo uccello- Pettirosso) – Nizi (Dionisio) – PallikuRrakuShllardi.

Indicanti mestieri

Llaganesha (Venditrice di focacce) – Matunari (Mattonaio) – Varrllotari (Il barilaio) – Borsa (Venditrice di neve) – Majallinari (Guaritore di maiali) – Karkarari (Venditore di calce).

Indicanti qualità morali

Karistia (Carestia) – Koprea (Letame) – Rregji (Il Re) – Mbrjaku (L’ubriaco) – Kullumbri (Fiorone) – Monakiqi (Folletto) – Draguni (Il dragone) – Shteku (Riga di capelli) – Vronja (Corno da suono) – Trupia (Tempesta) – Skupulla (Scopa per pulire il forno) – Zonjarela (Signorinella) – Gubonja (Tronco d’albero vuoto) – Rikanina (Porcellina) – Pishkuni (Il grosso pesce).

Indicanti qualità fisiche

Buz-shabani (Muso di montone) – Buz-garofulli (Bocca di garofano) – Buz-llataruni (Bocca di fiorone) – Gjati (Il lungo) – Karvuni (Il carbone) – Kurçjarjeli (Il corto) – Aduri (L’odore) – Skacati (Lo schiacciato) – Vajani (Fagiolino) – Kocmadhi (Testa grossa) – Pilluni (Il pilastro) – Pjaku (Il vecchio) – Kavaluçi (Il cavalluccio) – Gjirshiu (Il ciliegio) – Leshkuqi (Dai capelli rossi) – Treveshi (Dalle tre orecchia) – Kullurata (Colorita) – Njëdhëmbi (Dal solo dente) – Shangagjeli (Piccolo zoppo).

Di origine patronimica

Mitri (Demetrio) – Kokoresja (Teresa) – Gjoni (Giovanni) – Fatfati (Giosafat) – Saverili (piccolo Saverio) – Viçenxuli (piccolo Vincenzo) – Lliçini (Licinio) – Çikandoni (Francesco Antonio) – Patrasi (Patrasso) – DrazhuniXhamika (Giovannina).

Di provenienza

Cingri (Lo zingaro) – Tabani (Abitante di Acquaformosa) – Kasanjoti (Il cassanese).

I cognomi che più ricorrono nella comunità di Firmo sono: Gangale, Franco, Frega.

Annamaria Saccomanno
dalla tesi di laurea “Firmo e le sue tradizioni popolari”

Facebooktwittergoogle_plusmail